Ad accompagnare Antonio Junior Vacca nella sua conferenza stampa di presentazione da nuovo calciatore del Foggia, il presidente Nicola Canonico ed il direttore sportivo Piergiuseppe Sapio. Di seguito, tutte le dichiarazioni del patron rossonero:

“Siamo contenti di aver riportato Vacca a Foggia, so che ha lasciato un ricordo immenso. Gli ho chiesto col cuore se davvero volesse venire a Foggia, lui mi ha detto di sì, io allora gli ho chiesto perché e lui mi ha risposto dicendo che le emozioni che gli ha dato Foggia non gliele ha date nessuna piazza: questa è una cosa che mi ha riempito di gioia. Gli ho ricordato che ha già scritto una storia già importante del Foggia e ritornare significa fare di nuovo bene, perché se si fa male si cancella quello che di buono si è fatto. Ha rinunciato forse a qualcosa di più importante in B per risposare la causa del Foggia; molto spesso si dice che i giocatori siano mercenari – vanno dove stanno i soldi -, con Antonio il ragionamento è stato totalmente diverso, forse ha rinunciato a dei soldi per venire a Foggia. Come ama lui Foggia la amano in pochi, sono orgoglioso di poter mettere a disposizione di mister Gallo un giocatore di primissimo ordine”.

“Cosa aspettarsi ancora dal mercato? Non possiamo dire il nome, ma domani arriva un’altra mezzala dalla Serie B, aspettiamo solamente il trasferimento ufficiale che avverrà domani mattina, ci sarà un altro centrocampista a disposizione di mister Gallo. D’intesa col direttore Sapio, che sta facendo un lavoro importante, dobbiamo fare anche un po’ di uscite perché abbiamo una rosa numericamente alta e quindi dobbiamo necessariamente riportarla a quelli che sono i canoni anche per potersi allenare con serenità”.

“Faremo anche diverse uscite e staremo sempre vigili sul mercato, ho detto a Sapio che i migliori acquisti e colpi si fanno nelle ultime ore laddove non si completa l’iter degli obiettivi accordati con mister Gallo. Sono giorni anche di tensioni, perché il calciomercato durante il campionato è diverso da quello che si fa all’inizio: trovi qualche giocatore che viene sollecitato da qualche club nell’andare via, qualcuno che chiede di andarsene perché ha poco spazio… È un periodo particolare questo: spero che, come ha detto anche mister Gallo, si chiuda quanto prima perché poi si rasserena tutto”.

Seguici anche su Telegram! Clicca qui! Continua a leggere il testo dopo la foto.

Canonico
Immagine in evidenza: Nicola Canonico – crediti: foto di Mario Marino (RIPRODUZIONE RISERVATA)

Foggia, Canonico: “Vogliamo far divertire la gente foggiana”

“È un periodo bello, felice: io ho detto ad Antonio una cosa bellissima, cioè di voler far divertire davvero la gente foggiana, il tifoso foggiano. Voglio che riusciamo a toglierci delle bellissime soddisfazioni tutte assieme, perché capisco veniate da periodi duri, bui, difficili dove c’è anche molto spesso la poca credibilità nei confronti di chi presiede per le ragioni che sono successe. Qualcuno sostiene che dovevamo smantellare la squadra: non solo non la smantelliamo, ma la rinforziamo perché vogliamo giocarci al meglio tutte le nostre possibilità”.

C’è un primo tempo con la Juve che abbiamo vinto ieri: è una squadra che ha davvero tanti giocatori interessanti, di prospettiva quindi una squadra da tenere in debita considerazione. Dobbiamo sempre rispettare gli avversari e non sarà una partita semplice nel ritorno; allo stesso tempo, ho chiesto al mister e al gruppo squadra di affrontare al meglio il campionato perché è con la continuità dei risultati che si iniziano a scrivere pagine importanti della storia del calcio. I ragazzi ieri hanno fatto una partita importante, forse contratti nel primo tempo perché la responsabilità addosso l’avvertono: la piazza ci aiuta nelle pressioni perché, così come Foggia ti , ti toglie – serve essere anche forti mentalmente davanti a tutte queste pressioni. Ho detto loro che fin quando si perde la responsabilità è mia, io sono felice perché faccio da spugna a tutti quanti anziché bersagliare ogni singolo giocatore o quant’altro, perché ci sta che un giocatore possa sbagliare un gol o giocare male una partita (è il calcio), però è anche giusto darci il tempo e far affiatare tutti i ragazzi che arriveranno in questa fase di mercato, perché devono entrare in un gruppo, amalgamarsi, capire cosa il mister chiede loro tecnicamente di fare, fisicamente vedere in che condizioni stanno… Bisogna avere pazienza nel dare giudizi, perché spesso si corre nel dare giudizi affrettati: ricordo di quanti giudizi abbiamo dato su Ogunseye, che per noi è un attaccante importante e lo sta dimostrando con i gol. Un attaccante non deve solamente segnare, è quello che fa per la squadra, i movimenti… La valutazione è un po’ più complessa rispetto alla finalizzazione: molto spesso si guarda un attaccante per i gol che fa più che per quello che fa durante una partita. Sono contento per Roberto, giocatore che peraltro possiamo riscattare, come sono contento con Antonio che il Foggia si è regalato fino al 2024 perché si vuole programmare qualcosa di importante. Bisogna avere la pazienza di programmare, dei piccoli passi: a tutti noi piacerebbe vincere tutto e subito, ma molto spesso il calcio non dà questi tempi. Stiamo mettendo all’interno del gruppo giocatori per me di primissimo livello e sono contento del lavoro certosino che stiamo facendo in questo periodo di mercato”.

Seguici anche su Telegram! Clicca qui!

Immagine in evidenza: il presidente Nicola Canonico in conferenza – crediti foto: pagina ufficiale Facebook Calcio Foggia 1920 (frame da video)

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here