Il presidente del Foggia, Nicola Canonico, è intervenuto ieri sera alla trasmissione Il Pallone in Poltrona di Telefoggia, condotta dal collega Carmine Troisi. Inevitabile chiosa sul mercato, che in uscita riserva l’addio di Giuseppe Nicolao e quello sempre più probabile di Dardan Vuthaj:

“Saluto e ringrazio Beppe per tutto quello che ha fatto a Foggia, rimane per me un ragazzo straordinario. Davanti ad una scelta di voler giocare a tutti i costi, non potevo che dargli la possibilità di andare a giocare da qualche altra parte, considerando che stava giocando poco, tra l’altro. Lo ringrazio di cuore per quello che ha fatto a Foggia e per come si è comportato: è davvero encomiabile l’attenzione al pubblico foggiano, alla tifoseria. Gli ho fatto l”in bocca al lupo‘ ed una battuta ironica sulla speranza di non vederlo nei playoff. Sono ragazzi che con noi sono cresciuti ed è giusto dargli la possibilità di giocarsi le proprie carte.

Per quanto riguarda Vuthaj, mi ha aggiornato Sapio della posizione del Novara, fortemente interessato ad averlo in prestito per quest’anno. Forse nella giornata di domani (oggi ndr.), se saremo d’intesa tutti quanti possiamo fare questo passaggio”.

La cessione di Vuthaj come porrà il Foggia sul mercato? Se sarà cercato, quale tipologia di attaccante potrebbe interessare?

“Allo stato attuale, ci sono due posti in quel ruolo: una prima punta ed una seconda. Iacoponi è un ragazzo che sta crescendo tantissimo e che ci sta dando tante soddisfazioni, insieme a Peralta formano una coppia lì e abbiamo anche Peschetola in quel ruolo, in questo momento; le prime punte al momento sono Ogunseye e Beretta. Poi il mercato è sempre particolare: se ci dà qualche possibilità di prendere qualche punta per programmare già non solo quest’anno ma anche il prossimo futuro, non ci faremo attendere. Il mercato di gennaio è particolare e bisogna essere lungimiranti nelle operazioni, guardando al domani oltre all’oggi”.

Seguici anche su Telegram! Clicca qui! Continua a leggere il testo dopo la foto.

Canonico
Immagine in evidenza: Nicola Canonico – crediti: foto di Mario Mescia/lagoleada.it (RIPRODUZIONE RISERVATA)

Foggia, Canonico: “Con Gallo rapporto di massima trasparenza. Stiamo attenzionando Vono”

Il rapporto con mister Gallo, l’arrivo di Antonio Junior Vacca, i ruoli degli interpreti e la possibile uscita di Moses Odjer:

“Penso sia un rapporto diretto, senza attenuanti dove ci confrontiamo in maniera seria. Vacca non viene da un infortunio, è solo una questione di condizione che si ottiene nell’arco di 30 giorni. Non appena ci saranno le condizioni il preparatore atletico dirà al mister i minuti in cui utilizzarlo, non aspetteremo poi tanto per vederlo in campo. Per le parole che ci ha detto, per com’è arrivato a Foggia, per la voglia che ha penso sia un ragazzo che di darà una grossa mano.

Molti non conoscono neanche le caratteristiche tecniche dei calciatori. Non è una polemica ma un aspetto oggettivo: il mister ha fatto giocare Kontek da play, Bjarkason dicono che sia un esterno ma il Catanzaro lo ha adattato lì in quel ruolo lo scorso anno. Lui nasce e muore come mezzala, è un ragazzo che ha gamba e lo si può utilizzare da esterno – con il suo innesto, abbiamo sette centrocampisti ed in quella zona siamo completi. Su Odjer, verificheremo la possibilità di poterlo far giocare se riusciamo, sennò rimarrà con noi in rosa consapevole di avere poco spazio: spero che riusciamo a collocarlo da qualche parte per farlo giocare, perché è un ragazzo umile, straordinario, perbene. È un gruppo di tanti ragazzi perbene all’interno, però ci serve anche un po’ di personalità, che abbiamo pensato molto ad alzare perché i playoff dello scorso anno mi sono rimasti impressi: ci serviva gente con personalità, soprattutto nei playoff.

C’è un rapporto di massima trasparenza (con Gallo ndr.), qualsiasi problema che c’è all’interno voglio saperlo, ci si confronta sempre. Il confronto nel calcio è una cosa importante: lui è una persona perbene e sta facendo un buon campionato, bisogna continuare su questa striscia di risultati positivi. Ai ragazzi ho fatto l’esempio del Palermo, la cui sconfitta a Foggia è stata l’ultima prima di vittorie, pareggi e promozione in Serie B. La continuità di risultati positivi ci portano ad andare avanti sull’obiettivo iniziale che è il campionato. Siamo partiti male, sappiamo com’è andata, però sono fiducioso che riusciremo a toglierci soddisfazioni coi nostri tifosi”.

Su Riccardo Vono, promettente ragazzo accostato al Foggia:

“È un ragazzo che ne hanno parlato un gran bene. Stiamo valutando gli ultimi aspetti del ragazzo perché proviene dalla D anche se ha fatto presenze in C: sappiamo bene che la D è una categoria e la C un’altra. Siamo andati sull’usato sicuro, su gente che ha già giocato in C o come Beretta che viene da 10 campionati ininterrotti di B, oggi più maturo, pronto e determinato. Stiamo alzando anche l’asticella dell’organico al mister, dandogli un organico di primo livello con anche lui che dovrà dimostrare tanta personalità perché dovrà gestire un gruppo di giocatori importanti.

Di Vono ha parlato un gran bene il mister. Lo stiamo attenzionando con tranquillità, il tempo c’è; può ricoprire più ruoli, mi diceva il mister. Valutiamo anche il mercato in chiusura cosa ci offre, dobbiamo un attimo capire con il direttore Sapio in che modo e sulle operazioni che stiamo trattando in queste ore cosa accade. Su quello tireremo le somme e valuteremo anche il fatto di Vono”.

La puntata completa

Seguici anche su Telegram! Clicca qui!

Immagine in evidenza: Nicola Canonico – crediti: foto di Mario Marino (RIPRODUZIONE RISERVATA)

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here