mercoledì, 21 Febbraio, 2024

La Curva Nord: “Non penalizzate le famiglie”

Dopo le sanzioni giunte in seguito ai fatti di Casertana-Foggia la Curva Nord rossonera ha pubblicato un comunicato stampa

La Curva Nord del Foggia parla per la prima volta dopo i fatti di Caserta, rivolgendo un messaggio ai “garanti della legge”, scrivono. Il riferimento è in seguito ai provvedimenti che hanno interessato la società rossonera e che vedranno almeno un turno casalingo svolgersi a porte chiuse (qui vi diciamo quale).

Situazione che ha esasperato centinaia e centinaia di tifosi che, attraverso i social, hanno manifestato tutto il loro dissenso verso la violenza, oltre il lamentare di non poter assistere alle partite nonostante biglietti e abbonamenti. Ecco di seguito il comunicato della Nord.

Resta aggiornato, iscriviti al nostro canale WhatsApp! Continua a leggere il testo dopo la foto.

Curva Nord Foggia
Immagine in evidenza: uno scatto di Foggia-Juventus Next Gen (Coppa Italia Serie C 22/23) – crediti: foto di Mario Marino (RIPRODUZIONE RISERVATA)

Il comunicato della Curva Nord

“Vogliamo rivolgere un messaggio critico a coloro che si dichiarano per natura o per definizione “i garanti della legge”, alle istituzioni sportive e non, a coloro che dovrebbero assumersi responsabilità in virtù di quella legge a cui hanno fatto giuramento, ma che sistematicamente deludono, prendendo di fatto sempre le vie più facili. Chiudere l’intero stadio per due giornate è un danno importante sia per la società Foggia calcio, sia per tutti i tifosi, abbonati e non, che sostengono i colori rossoneri. Quale senso ha tutto questo? Beh qualcuno di noi un’idea ce l’ha e se pensate che le vostre azioni possano in qualche modo compromettere il rapporto tra noi Ultras e tutto il resto state facendo un buco nell’acqua!”, si legge.

“Noi come sempre ci assumiamo le nostre responsabilità, consapevoli del fatto che in trasferta ci andiamo noi, “quelli delle curve, gli ossessi della maglia e della propria città, i facinorosi”. Allora perché non penalizzare solo noi, perché non chiudere le due curve piuttosto che l’intero stadio, perché non punire solo gli “ultras”, perché non permettere alle famiglie che frequentano gli altri settori di sostenere comunque la propria squadra? Noi non faremo alcun passo indietro e come sempre ci mettiamo la faccia, cosa che dovreste fare anche voi. Avete molto da imparare da noi e dal nostro modo di essere! Per sempre Ultras”, conclude il comunicato.

Resta aggiornato, iscriviti al nostro canale WhatsApp!

Ultimora

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here