Se pensate alla parola “fallo” nell’ambito dei Mondiali cosa vi viene in mente? Probabilmente la violenta testata di Zidane. Tuttavia ce ne sono di ben peggiori, come quello di Zuniga ai danni di Neymar durante l’ultima edizione della FIFA WORLD CUP (2014): il brasiliano ci ha rimesso la terza vertebra lombare.

1. Cile 1962: Mario David vs Leonel Sanchez

Cile, 1962. Settima edizione dei mondiali di calcio, l’Italia incontra i padroni di casa, il Cile. L’episodio in questione, che vide coinvolti Mario David e Leonel Sanchez, passò alla storia come La battaglia di Santiago, dal momento che la polizia fu costretta ad intervenire varie volte: dopo numerose scorrettezze tra i due il cileno, figlio di un pugile, sferrò un pugno in faccia all’azzurro.

David venne espulso per gioco pericoloso dopo aver sferrato un calcio volante all’altezza della spalla dell’azzurro. Il telecronista definì quel fallo “uno dei più sanguinosi e letali mai visti su un terreno di gioco”.

2. Spagna 1982: Harald Schumacher vs Patrick Battiston

Durante l’edizione che ha incoronato gli azzurri campioni del mondo per la terza volta non si può scordare l’episodio accaduto durante la semifinale tra Germania e Francia. Si tratta di uno dei falli più gravi della storia del calcio: sull’1 a 1 il portiere tedesco Harald Schumacher colpì rovinosamente il difensore transalpino durante una disperata uscita.

Le conseguenze di quell’impatto furono gravissime per il francese che perse tre denti e passò due giorni in coma in ospedale. Una tragedia sfiorata se si pensa che Platini, uno dei primi accorsi ad accertarsi delle condizioni del compagno, dichiarò “Pensavo fosse morto, non aveva battito ed era pallidissimo”.

3. Messico 1986: Jose Batista vs Gordon Strachan

Altrettanto rovinoso, ma senza gravi conseguenze, fu il fallo di Jose Batista, difensore dell’Uruguay su Gordon Strachan, attaccante della Scozia, durante il mondiale disputato in Messico nel 1986. La vicenda viene ricordata come l’espulsione più veloce in una fase finale dei Mondiali:erano trascorsi infatti appena 56 secondi dal fischio d’inizio nel match.

4. Italia 1990: Benjamin Massing vs Claudio Caniggia

È il 1990 e siamo nel Bel Paese. Il match in questione è Camerun – Argentina; gli argentini recuperano il pallone nella propria trequarti campo e dando origine ad uno straordinario contropiede, condotto dallo scattante Claudio Caniggia.

Velocissimo, l’esterno argentino salta i primi due avversari così il terzo, Benjamin Massing, resosi conto di non poterlo fermare in altro modo, lo atterra brutalmente guadagnandosi un cartellino rosso.

5. USA 1994: Leonardo vs Tab Ramos

Il fallo del brasiliano Leonardo sullo statunitense Tab Ramos durante i Mondiali USA nel 1994 ha avuto un lieto fine. Il brasiliano, che ha dichiarato di non voler ferire l’avversario,  lo ha visitato per 15 minuti presso la Stanford University Medical Center, dove il centrocampista statunitense è stato trattenuto per l’osservazione durante la notte: “Non solo ha accettato le mie scuse” – ha dichiarato in seguito Leonardo – “ma mi ha augurato buona fortuna nella mia carriera”.

6. Francia 1998: Ariel Ortega vs Edvin Va Der Saar

Come dimenticare il surrealistico fallo dell’argentino Ariel Ortega ai danni dell’olandese Edvin Va Der Saar durante i Mondiali di Francia 1998?

7. Germania 2006: Zinédine Zidane vs Marco Materazzi

Sono trascorsi quasi dodici anni dall’emblematica testata di Zidane ai danni di Materazzi; fallo, quello del francese, che ebbe un notevole impatto nel mondo, basta pensare al pericoloso ordigno illegale di dieci chili ma c’è chi si è spinto oltre: l’artista Abdel Abdessemed ne realizzò addirittura una statua.

8. SudAfrica 2010: Nigel de Jong vs Xabi Alonso

La finale del mondiale sudafricano, che vide in finale Olanda e Spagna, fu particolarmente tese e costrinse l’arbitro Howard Webb ad estrarre ben 14 cartellini, record assoluto per una finale mondiale.

L’intervento più rovinoso, in stile “karate kid”, fu quello di Nigel De Jong nei confronti di Xabi Alonso: calcio volante diretto nel costato.L’ex centrocampista del Milan riuscì a farla franca evitando il rosso diretto; Webb ammise poi di non aver valutato correttamente quell’episodio.

9. Brasile 2014: Zuniga vs Neymar

Ancora impresso nella memoria di tutti è il violento contrasto tra il colombiano Zuniga ed il fenomeno brasiliano Neymar, avvenuto durante i quarti di finale tra Brasile e Colombia, vinto dalla Seleçãoper 2 a 1: Neymar riportò la rottura della terza vertebra lombare e sei settimane di stop.

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here