Home Bordo Campo Whatsapp mette nei guai il Parma

Whatsapp mette nei guai il Parma

Sotto accusa vi sarebbero alcuni messaggi inviati da due giocatori del club emiliano a due colleghi dello Spezia, prima della sfida che ha promosso in A il Parma

49
0

Serie A, il Parma rischia, in arrivo i deferimenti. Non ci sarà nessuna archiviazione per la vicenda dei messaggi inviati da due giocatori del club emiliano a due colleghi dello Spezia, prima della sfida che ha promosso in A il Parma: da capire se sarà slealtà oppure illecito.

Poco ottimismo, dopo la riunione con i suoi collaboratori cui ha affidato il caso: il procuratore federale Giuseppe Pecoraro è certo che l’indagine sui messaggi WhatsApp, inviati da due giocatori del Parma a due colleghi dello Spezia prima della sfida che ha promosso gli emiliani in A, non sarà archiviata e i deferimenti potrebbero partire già nelle prossime ore.

Dubbi sul capo d’imputazione

Da stabilire il capo d’imputazione, se semplice slealtà sportiva (art. 1 bis del codice) o il gravissimo illecito sportivo (art. 7). Filippo De Col e Alberto Masi, i giocatori dello Spezia destinatari dei messaggini di Emanuele Calaiò (due) e Fabio Ceravolo (uno), li hanno prontamente mostrati ai propri dirigenti, che hanno avvisato la Procura.

Il codice non fa differenza tra un illecito consumato e un illecito solo tentato, e se passerà la linea più colpevolista i due giocatori e il Parma, coinvolto per responsabilità oggettiva, dovranno difendersi da un’accusa che potrebbe costare una lunga squalifica agli atleti e la A al club. Qualora i giudici del Tfn accogliessero le richieste dell’accusa (il principio richiede che la pena sia afflittiva), l’eventuale penalizzazione ricadrebbe sulla classifica del campionato 2017-18, che il Parma ha concluso con un punto in più del Palermo: dunque il club interessato all’esito di questa inchiesta (non a caso ha già chiesto gli atti alla Procura), ma a pari punti con il Frosinone. La società di Stirpe ha conquistato la Serie A sul campo, al termine dei playoff, ma un’eventuale penalizzazione di un punto del Parma la promuoverebbe al secondo posto, piazzamento che le avrebbe dato la promozione diretta.

Chi avrebbe diritto ad andare in Serie A?

Con emiliani e rosanero appaiati al 3° posto, pur con gli scontri diretti favorevoli ai primi, chi avrebbe diritto ad andare in A? Se la Procura opterà per l’illecito, dipenderà dalla valutazione che l’ufficio inquirente farà dei due messaggi di Calaiò, a tutti gli effetti documenti probatori: il primo, a invitare di levare la gamba, il secondo a sottolineare che scherzava. E forse il secondo è più compromettente del primo.

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here