Tre punti col brivido.

Ciò non è piaciuto all’allenatore della Juventus Maurizio Sarri, che dopo la difficile vittoria casalinga col Bologna per 2-1 bacchetta i suoi:

“Negli ultimi cinque minuti sono abbiamo commesso due o tre errori quasi di presunzione e superficialità. I match vanno aggrediti fino a metterli in completa sicurezza e nella ripresa c’erano tutti i margini per farlo. Non c’è da discutere sull’occasione di Santander, era in fuorigioco, il VAR avrebbe annullato l’eventuale gol.
Il confine tra palleggiare in maniera produttiva e diventare un po’ effimeri e superficiali è molto sottile. Gli ultimi cinque minuti del match l’abbiamo fatto in maniera errata, perdendo palloni pericolosi. La gara nel complesso è stata buona ma macchiata da tre o quattro errori che hanno dato la sensazione della superficialità. Dobbiamo avere un palleggio di sostanza e non fine a se stesso.
Abbiamo fatto bene i primi venti minuti contro un buon avversario molto raccolto sotto la linea della palla. Una volta andati in vantaggio abbiamo avuto un calo di determinazione e siamo andati in modalità gestione invece di chiudere la gara. Nel secondo tempo abbiamo mosso la palla più rapidamente e loro arrivavano più in ritardo. Noi siamo stati più bravi e loro hanno speso molto per contenerci nel primo tempo”.

Chiusura sull’incontro con Sinisa Mihajlovic

“Gli ho parlato da lontano perché sono raffreddato, non avrei voluto creare problemi. Quando lo vedo in campo o in panchina mi dà una grande gioia e forza, è d’ispirazione per tutti quanti”.

Immagine in evidenza: JuveNews.eu

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here