“Perché dovrei comprare una Ferrari, orologi costosi e altri oggetti preziosi? A cosa servirebbero? Preferisco spendere i soldi per aiutare la mia gente. Queste parole hanno fatto il giro del mondo negli ultimi anni, e sono quelle del calciatore senegalese e attaccante del Liverpool Sadio Mané. Una figura agli antipodi del classico calciatore strapagato e viziato.

Il campione dei Reds non ha mai dimenticato le proprie origini e soprattutto la propria condizione. “Quando ero piccolo avevo fame e dovevo lavorare nei campi. Sono sopravvissuto a tempi difficili, ho giocato a calcio a piedi nudi, non avevo un’istruzione e mi mancavano molte altre cose. Oggi, con quello che guadagno grazie al calcio, posso aiutare la mia gente – disse il calciatore alcuni anni fa nel corso di un’intervista rilasciata per nsemwoha.com.

Seguici anche su Telegram! Clicca qui! Continua a leggere il testo dopo la foto.

Sadio Mané
Sadio Mané, crediti: Instagram

Così il senegalese aiuta la gente di Sédhiou, il suo paese d’origine. Lì Mané infatti ha costruito scuole e uno stadio e versa fondi per aiutare le persone indigenti così che possano disporre di scarpe, vestiti e cibo. Paga una retta mensile a diverse famiglie, circa 70,00 euro a persona (che in Senegal sono un mucchio di soldi, 45916.99 Franchi CFA BCEAO) per contribuire all’economia famigliare, perché in quella regione del Senegal la gente è molto povera.

“Non ho alcun bisogno di macchine extra-lusso, di case incredibili o di spendere i miei soldi in cose non mi servono. Preferisco condividere con la mia gente un po’ della fortuna che la vita mi ha dato. Insomma, un vero esempio di vita e di campione, oltre il rettangolo di gioco.

Seguici anche su Telegram! Clicca qui!

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here