lunedì, 15 Aprile, 2024

L’esordio tra luci e ombre di Tenkorang, Cudini sa che…

Era il più atteso Joshua Tenkorang, tanto da finire in lista alla cima dei desideri del tecnico Cudini che sa qual è...

Il Corriere dello Sport fa il punto della situazione in casa Foggia e – in particolare sul mercato – dedica spazio all’arrivo di Tenkorang titolandol’esordio in rossonero tra luci e ombre: “Era il più atteso Joshua Tenkorang, debuttante contro il Catania. Partito benino, l’ex lecchese (cartellino di proprietà della Cremonese) si è trovato subito la palla buona per sbloccare il risultato due volte nel primo tempo”.

Non è un attaccante di ruolo, troppo leggerino su quei palloni (due conclusioni ravvicinate, una di testa). Giocatore di movimento, sicuramente da rivedere, sul quale Cudini ripone molta fiducia per averlo messo in cima alle sue richiesta una volta richiamato dalla società. Esterno destro di centrocampo il 23enne è un giocatore di movimento che può trasformarsi in attaccante aggiunto in fase offensiva: le due palle-gol in apertura di partita lo confermano”, si legge.

Resta aggiornato, iscriviti al nostro canale WhatsApp! Continua a leggere il testo dopo la foto.

Tenkorang Foggia-Catania
Immagine in evidenza: uno scatto di Foggia-Catania (Serie C – girone C 2023/24) – crediti: foto su gentile concessione di Monica Carbosiero per lagoleada.it

Cudini conta sul vero Tenkorang ancora non venuto fuori

“Quanto agli altri rinforzi, subito utilizzati da Cudini in partita, pochi gli spunti forniti. L’impressione è che il centrale difensivo Ercolani (utilizzabile anche come esterno), possa ritagliarsi uno spazio tra le scelte dell’allenatore: lo suggeriscono le diciassette gare giocate con l’Alessandria nella prima parte del campionato. Il 24enne ravennate contribuisce a colmare quel vuoto lasciato da Marzupio dopo il suo infortunio (rottura dei legamenti): è così arrivato Riccardi (ottobre), linea che il Foggia adesso rafforza con un altro difensore centrale anche perchè Salines, dopo la cessione di Garattoni, sembra destinato a coprire stabilmente la fascia destra del pacchetto arretrato”, prosegue il quotidiano.

Nel finale di Foggia-Catania c’è stato spazio anche per Mattia Rolando, decisamente l’innesto più frizzante di quelli finora utilizzati: schierato come laterale destro, Rolando ha lancia- to segnali di vitalità sulla trequarti impressionando positivamente per quel poco che si è visto. L’altro subentrato, la punta Gagliano, ha giocato appena 7’ e si è visto poco: ma non era facile trovare il guizzo tra le barricate della difesa etnea. Il tempo per carburare è poco, ma Cudini aspetta risposte importanti da quei calciatori arrivati da poco nelle fila rossonere”, conclude CdS.

Resta aggiornato, iscriviti al nostro canale WhatsApp!

Ultimora

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here