Un libro per raccontare l’Ucraina, la sua storia, la geografia, la politica e il popolo attraverso il calcio. E’ il volume Kiev l’ha visto? Viaggio nelle realtà calcistiche di Kiev e dintorni’, di Vincenzo Felici, edito da Urbone Publishing.

Un volume che mai come adesso torna attuale considerato, putroppo, il terribile scenario di guerra cui stiamo assistendo e cui Vincenzo Felici certamente non poteva immaginare qualche mese fa, quando questo volume è stato pubblicato. Abbiamo rivolto qualche domanda all’autore, ecco com’è andata.

Seguici anche su Telegram! Clicca qui! Continua a leggere il testo dopo la foto.

Kiev l'ha visto
La copertina di Kiev l’ha visto, il libro di Vincenzo Felici edito da Urbone Publishing

Kiev l’ha visto?, raccontare l’Ucraina grazie al calcio

Scorrevole e estremamente piacevole, il volume è ricco di aneddoti storiografici e corredato da alcune foto che ne rendono la lettura interessante e curiosa, dove l’elemento ‘calcio’ fa da collante a quella che è la storia di un paese intero.

Farmacista e autore di Ancona, il dottor Vincenzo Felici non è nuovo a pubblicazioni: ha già pubblicato infatti alcuni libri come ‘Un euro per un panino’, ‘A cena con la vecchia Signora’ e, appunto, ‘Kiev l’ha visto’.

Vincenzo, da autore strettamente vicino a questo popolo, per i viaggi e per i temi proposti, nonché per il legame sportivo, qual è stato il suo primo pensiero quando ha visto questa terra devastata?

“Disperazione, ho pianto copiosamente.

Perchè un libro sul calcio ucraino?

“Perché è stato a torto trascurato e sovrapposto a quello russo, troppe volte”.

La più grande leggenda gialloceleste per lei?

“Nessun dubbio: Oleh Blochin.

Insomma, un libro che mai come questo momento ci sentiamo di consigliare, non solo agli appassionati di calcio.

Articolo di lagoleada.it – RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here