Antonio Conte, nelle ultime ore, ha avuto un colloquio con i Carabinieri nella sede di Via della Liberazione. L’allenatore dell’Inter ha letto il contenuto della lettera: “Sappiamo dove vivi e chi è tua figlia”. Probabilmente, l’autore della lettera conosce bene Conte ma non è detto perché le informazioni relative alla vita privata di Conte sono facilmente reperibili sul web. Secondo l’allenatore nerazzurro si tratta di un tifoso di una squadra avversaria che non ha accettato il suo trasferimento all’Inter.

L’altra pista, invece, che è quella che i Carabinieri non escludono, può portare ad un tifoso dell’Inter che, al contrario, non ha accettato il suo approdo in nerazzurro per il suo passato juventino. Tutte ipotesi ma che non possono essere sottovalutate. Quasi certo, invece, è il coinvolgimento di più persone, in quanto il contenuto della lettera è al plurale.

Alberto Nobili, capo dell’antiterrorismo di Milano, ha aperto un fascicolo contro ignoti per minacce aggravate e detenzione di munizioni. Per Conte è scattata la “vigilanza generica radiocontrollata, il più basso livello di sorveglianza previsto per un personaggio pubblico, con volanti e radiomobile che pattugliano di frequente i ‘luoghi sensibili’: la sede del club e la casa del tecnico “.

Fonte: FcInter1908.it

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here