Il ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, ha confermato al “Tg Sport” di Rai Due che il protocollo sanitario FIGC è stato approvato:

“C’è l’ok, è stato approvato ed è un’ottima notizia, così gli allenamenti di squadra potranno riprendere. La FIGC è stata disponibile a rivedere la prima proposta. Soprattutto si evita l’autoisolamento che era previsto all’inizio, così le squadre possono allenarsi senza avere una struttura”.

In caso di calciatore positivo al Coronavirus, non c’è più la quarantena di squadra, ma solo singola. Ci siamo potuti arrivare perché ora la situazione ci permette di vedere le cose in modo migliorativo”.

Il 28 maggio sarà il giorno decisivo per il futuro del campionato

“Ho convocato poco fa una riunione per il 28 maggio alle ore 15, sarà il giorno decisivo. Ci saranno Gravina e Dal Pino e le altre componenti di FIGC e Lega Calcio. Giovedì prossimo potremo quindi decidere quando e se potrà ripartire il campionato, ci saranno le condizioni per poter prendere una decisione definitiva”.

Palla alla Federazione per il format del campionato e l’ipotesi di giocare playoff Scudetto“Per me è importante solo che ci sia una ripresa,” – prosegue Spadafora – “poi la formula sarà decisa dalla FIGC”.

Chiudere il campionato sarebbe stata la scelta d’impulso da fare, quando si contavano i morti. Io ho reagito con durezza perché al tempo non volevo decidere ‘ora e subito’. Lo trovavo vergognoso, vista la situazione. Il calcio è una grande industria? Tutte le grandi industrie si sono fermate. L’idea che io possa essere contro il calcio ora la trovo divertente, all’inizio invece la trovavo fastidiosa. Sono solo speculazioni, fanno parte della fantasia”.

Immagine in evidenza: Vincenzo Spadafora – governo.it

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here