“Il numero di queste lesioni tra i calciatori è in aumento proprio per l’elevato numero di quanti praticano questo sport. Gli infortuni si registrano a tutti i livelli a causa della natura di questo sport, che comporta salti, torsioni e cambi di direzione improvvisi, oltre a forti impatti fisici.

Francesco Falez, presidente della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (SIOT).

“Se non sono in buone condizioni i campi in sintetico possono rappresentare un maggior rischio per i legamenti dei giocatori, aumentando il rischio di lesioni rispetto all’erba naturale” – aggiunge Falez.

Gli sportivi che accusano distorsioni e rotture del legamento crociato anteriore sono ogni anno in Italia circa 150 mila persone.

“Bisogna eseguire un programma di allenamento mirato al potenziamento muscolare degli arti inferiori. E migliorare la cosiddetta propriocezione degli arti, con esercizi mirati e consigliati da preparatori atletici o fisioterapisti, riduce il rischio di infortuni su cambi di direzione, contrasti, salti. Non ultimo, un buon programma di allungamento muscolare (stretching) è necessario per completare un corretto programma di preparazione atletica mirata anche alla prevenzione. Fondamentale poi individuare potenziali carenze muscolari e tendinee e personalizzare la prevenzione” – conclude Falez.

Immagine rappresentiva: SporterX

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here