Wayne Rooney è tornato in da poco in Europa, dopo aver militato per tredici anni con il Manchester United e una piccola parentesi all’Everton, squadra in cui è cresciuto. Poi l’esperienza in America da giocatore del D.C United, ma dopo solo due stagioni il richiamo dell’Inghilterra si è fatto sentire così ecco il trasferimento al Derby County da giocatore e collaboratore dello staff tecnico. L’ex numero dieci dei Red Devils vanta una carriera glorioso, ma Wazza ha vissuto anche dei periodi non così semplici, come quando all’epoca del Manchester United e dell’Inghilterra, aveva un problema con il gioco arrivando a perdere una cospicua somma di denaro in scommesse sportive.

L’attaccante ha rivelato al Sun, infatti, di aver avuto problemi con il gioco: ai tempi del Manchester United, Rooney percepiva circa 350 mila euro a settimana e così ha iniziato a scommettere online. Spinto dalle prime vincite, il giocatore ha ammesso di essere stato poi “risucchiato”da questo tunnel arrivando a perdere circa 800 mila euro in appena cinque mesi. Rooney ha rivelato la sua storia intervenendo nella campagna di sensibilizzazione sul gioco d’azzardo “Stay In Contol” di 32Red.

Ero un ragazzo giovane che aveva appena guadagnato un sacco di soldi. Quando sei in trasferta col Manchester United devi restare in hotel, con l’Inghilterra eri bloccato anche dai 7 ai 10 giorni. Ti annoi e devi fare qualcosa. All’epoca il gioco d’azzardo era uno dei miei passatempi. Non mi sembravano soldi veri. Non era come andare in un negozio di scommesse dove è impossibile investire oltre un certo limite. Il vizio del gioco mi ha risucchiato, ho perso tutto e le perdite subite mi hanno condizionato quando sono sceso in campo. Ho smesso di giocare, ho imparato dai miei errori”.

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here