Il noto giornalista Nicolò Schira ha intervistato Pietro Iemmello su Instagram. L’attaccante del Perugia ha riassunto praticamente tutta la sua carriera calcistica e ha parlato molto del Foggia, sua ex squadra. Ecco tutte le dichiarazioni:

“Foggia è la squadra calcistica insieme a Catanzaro per cui faccio il tifo. Una piazza del genere fa bene al calcio italiano e merita di stare in alto, nelle categorie più importanti. Quando sono arrivato ho trovato De Zerbi e subito è scattato un feeling incredibile. Giocavamo un gran calcio: abbiamo vinto la Coppa Italia e siamo arrivati in finale playoff. Peccato solo il risultato finale. Ricordo ancora le capanne fuori dalla biglietteria il martedì, con i tifosi che facevano giorni di fila per i biglietti. C’era tutto per vincere: ci è mancato solo la vittoria finale. Ogni mese la rivedo su YouTube, fa ancora male… De Zerbi? Il mister mi ha raccattato, perché capivo pochissimo di tattica e di tecnica. Mi ha dato conoscenze importantissime, mi ha segnato tanto facendomi crescere parecchio anche a livello umano. Compagni di squadra? Con Sarno a Foggia ho fatto più di 100 gol, avevamo una grande intesa. Eravamo legatissimi: io, lui, Vacca e Quinto ci siamo fatti anche una super vacanza a Mykonos”.

Pietro Iemmello, poi, ha parlato della sua pagina più triste della sua carriera: la retrocessione del Foggia: “Era ben chiaro a tutti durante la stagione quali erano le problematiche. Era una squadra con giocatori importanti, non da Playout al di là della penalizzazione. Al netto degli errori dei giocatori, il finale che c’è stato con il fallimento è l’emblema di tutto. Regnava la disorganizzazione e l’incapacità di gestire una squadra di calcio. Foggia quando ti dà delle pressioni può diventare scomoda: c’era gente che guadagnava poco e sapeva che non veniva pagata, pensava a come far campare la propria famiglia. Ne parlo con te Nico, per la prima volta a distanza di tanto tempo perché ne ho sentite davvero tante e di tutti i colori. Leggere certe cose sia personali sia di squadra mi ha ferito, ci sono stato male. Abbiamo fatto il possibile per cercare di salvare la squadra sul campo. Anche noi abbiamo sbagliato qualche gara: le pressioni di Foggia sono le stesse che ci sono a Napoli. L’onda d’urto da reggere è difficile e non tutti riescono a sopportarla. La retrocessione è stata una grande amarezza”.

Poi, il rammarico di Iemmello:Foggia-Pisa, lo dico al di là del risultato. È stata una batosta, ma ricordo ancora il pathos e le sensazioni di quei giorni. Lacrime? Non posso scordarle così come l’affetto della tifoseria che ci incitò anche dopo la sconfitta”.

Fonte: Nicolò Schira

Immagine in evidenza: Foggia Calcio 1920

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here