Il 6 dicembre di tre anni fa il Foggia si suicidò in casa perdendo 2-3 allo Zaccheria. Ai gol di Sarno e di Gerbo, risposero Varone, Calderini e Albadoro che ribaltarono il risultato regalando un clamoroso successo al Fondi.

Eravamo alla 17esima giornata e il Foggia nelle scorse sei giornate aveva totalizzato 5 pareggi e solo 1 vittoria. Bilancio negativo per una squadra che quell’anno lottava per la promozione diretta in Serie B. A fine partita, i tifosi rossoneri contestarono pesantemente la squadra e molti invocarono l’esonero di Giovanni Stroppa. In quella partita la squadra di casa aveva creato tanto e nonostante una grande prestazione perse clamorosamente il match.

Da Foggia-Fondi a Fondi-Foggia e il “Santo Palo” di Melfi

La classifica si fece pesante per i rossoneri che scivolarono al quarto posto a -4 dalla capolista Lecce. La giornata successiva il Foggia andò a far visita il Melfi, squadra in lotta per la salvezza. La squadra di Stroppa cominciò bene, andando in vantaggio. Sembrava cosa fatta quando i lucani rimasero in dieci uomini ma si ebbe l’effetto contrario. I padroni di casa la pareggiarono e addirittura ebbero la possibilità di portarsi in vantaggio su calcio di rigore. De Vena, dal dischetto, prende il palo, il “Santo Palo” che scosse i rossoneri. Sarno e Sicurella trascinarono il Foggia al successo per 1-3 e da quel momento in poi i satanelli fecero pochissimi passi falsi e il 23 aprile 2017 conquistarono la promozione in Serie B proprio con il Fondi.

Photo credit: Sdna.gr

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here