domenica, 14 Aprile, 2024

Foggia, E. Canonico: “Mercato? Cercare profili giusti. Altre zavorre…”

Foggia, il vicepresidente Emanuele Canonico a Telefoggia: "Mercato? Bisogna trovare i calciatori giusti, non ho bisogno di altre zavorre"

Il vicepresidente del Foggia Emanuele Canonico è stato ospite alla trasmissione Il Pallone in Poltrona, condotta dal collega Carmine Troisi ed in onda su Telefoggia. Tanti i temi toccati, tra cui anche ed inevitabilmente il calciomercato.

Digressione alla sessione estiva: “Avevamo già il video pronto dell’arrivo di Alexis (Ferrante ndr.), il 29 agosto. Lo ritenevo una persona affidabile, un ragazzo corretto, ma poi i fatti dicono che non mi ha risposto più al telefono per spiccioli. I giocatori vengono per soldi, c’è anche il lato sportivo perché qualcuno vuole rimettersi in gioco per sfondare e giocare in campionati superiori oppure la Serie D e l’Eccellenza“.

Seconda digressione sul mercato fatto per allestire la rosa inizialmente in mano a Roberto Boscaglia: “Sulle scelte tecniche non siamo entrati nel merito. Mio padre fa il mercato con il DS ed il tecnico, ad esempio la squadra con Boscaglia l’abbiamo fatta con lui. Gli serviva Odjer e l’abbiamo preso dal Palermo, Nobile era il miglior portiere della C: parliamo di giocatori che ci avrebbero dovuto dare il quid in più, non parlo di Nobile che si è fatto male, ma di cui obiettivamente tutti parlavano bene che poi si sono rilevati non giusti a questo contesto […]”.

Sulla prossima sessione invernale, invece: “Il calciomercato invernale non è l’estivo. Hai poco tempo e nessuno ti lascia i migliori, bisogna cercare di trovare i giocatori giusti per i ruoli giusti qualora si presentasse l’occasione, non ho bisogno di altre zavorre a Foggia. Il DS e mio padre insieme allo staff devono provare ad intervenire sul mercato facendo operazioni corrette; qual è il modulo di partenza? Il 4-3-1-2? Il 3-5-2? Se inizio a prendere giocatori a tromba, rischio di trovare una formazione piena di soggetti che non servono a nulla. Dobbiamo intervenire ma devono esserci i presupposti per farlo, dobbiamo fare anche qualche uscita. Mio padre è molto stanco di questa storia; si dovesse presentare anche la possibilità di prendere anche un calciatore importante, ci faremo trovare pronti, ma ci devono essere i presupposti e devono essere condivisi“.

Sull’incontro per buttare giù le idee per il mercato: “Il Gruppo Squadra oggi chiede di rimanere con questo staff. Mister Olivieri con tanta umiltà ha accettato un ruolo pesantissimo, oggi (ieri ndr.) alle 15:00 c’era un incontro per iniziare a programmare l’idea dei calciatori su cui puntare. Abbiamo già iniziato a buttare le basi“.

Su mister Massimiliano Olivieri: “Olivieri è un rischio a tutti gli effetti. Non sono i giocatori a decidere cosa faremo, abbiamo condiviso un’idea sulla quale bisogna aspettare. Capisco che tutto questo tempo però non ci sia, ma allo stesso tempo il mercato si aprirà il 2 gennaio, fino al 2 gennaio posso fare tutte le valutazioni […]. La responsabilità è nostra e ce la assumeremo per quello che faremo, ma verrà fatto sempre per l’interesse del Foggia; ogni errore è stato fatto in buona fede, non in malafede. Perché dovrei voler male alla mia squadra? Qualcuno dice che non vogliamo andare in Serie B: ma state scherzando?“.

Sul rendimento dei calciatori: “Mio padre ed il DS faranno la squadra con valutazioni serene, mi auguro senza rottura di scatole, cercando di migliorare il migliorabile ma devo comunque prevedere uscite, perché ho giocatori che a me non servono a nulla. La lista è piena. Mio padre dice che dai grandi si aspettava qualcosa in più, mentre qualcuno ha dato qualcosa in meno […]”.

Scambio Garattoni con FalboMarconi? Solo tante chiacchiere, come il discorso di tanti allenatori accostati al Foggia, non c’è mai stato nulla di vero. Il Foggia – dice inoltre Canonico – deve entrare prima nel cuore, quando si diventa tifosi si riesce a dare il 110%: chi non vuole sudare la maglia e mettere il cuore per la Città che ci crede, deve andare via. Può essere chiunque, non parlo adesso di Garattoni: chi ha interesse e vuole andare via, è il momento giusto per farlo, lo faccia. Non ci faremo trovare impreparati. Il mercato estivo è stato pieno di colpi di scena: sono stati accostati miliardi di giocatori ma poi sono arrivati altri […]”.

Resta aggiornato, iscriviti al nostro canale WhatsApp! Continua a leggere il testo dopo la foto.

Emanuele Canonico Foggia
Immagine in evidenza: il vicepresidente del Foggia, Emanuele Canonico – crediti foto: pagina ufficiale Facebook Calcio Foggia 1920 (frame da video)

Foggia, E. Canonico: “Migliorare la posizione in classifica. Profili? Abbiamo idee”

Dobbiamo cercare di migliorare immediatamente la nostra posizione in classifica. Cercheremo di intervenire laddove possibile per migliorare la classifica attuale. Avevamo detto che quest’anno avremmo voluto fare i playoff. La classifica deve essere confermata nel ritorno, noi siamo a nove punti dall’Avellino che è quarto. Tutto può succedere, dobbiamo trovare gente – prosegue il vicepresidente – per fare più punti del girone d’andata […]”.

Qualche profilo per il mercato? Abbiamo pensato tanto in questo periodo e ci siamo fatti un’idea, ora è arrivato il momento di capire se ci sono le condizioni affinché questi calciatori possano venire a Foggia. Maniero? Lo rispetto, è un grande attaccante ma non ne ho mai sentito parlare in casa mia. Per il momento non rientra proprio nella nostra ottica. L’età? È un fattore, devo anche pensare a quello che potrà essere un futuro, se ci sarà […]”.

Su Giacomo Beretta: “Beretta tecnicamente ha un altro anno di contratto con noi. Deve anche pensare al suo futuro, finisce questi due anni a Foggia e se non gioca poi ha finito di giocare. È un discorso che va affrontato con il suo procuratore, perché lui fondamentalmente è un bravo ragazzo, gli voglio bene, ho pianto con lui. Nel progetto tecnico non vedo Beretta come oggi possa rientrare, ma questo spetterà al Direttore Sportivo deciderlo, non a me“.

Sui profili per il mercato: “Piacciono un sacco di profili. Ci sono tanti fattori nel mercato: le squadre se ne vogliono liberare? Te li vogliono coprire, vendere, cedere? Non è la volontà tua o del ragazzo, poi ci sono i procuratori: anche qui ci sono le fazioni: bravi, brutti, belli, cattivi… I procuratori oggi guadagnano quanto i calciatori, follia“.

Su Marco Frigerio: “Salutiamo Frigerio a gennaio? Non credo, a meno che non mi diano qualcosa in cambio con cui io posso andare sul mercato, poi dovremmo trovare un sostituto di Marco. Con lui le cose non sono andate come pensavamo andassero: sono state fatte delle scelte, di certo non da noi. Questo era l’anno in cui avrebbe potuto esprimere il meglio di sé, visto una fine della scorsa stagione importante […]. Abbiamo rifiutato soldi per lui, che uno “disperato di soldi”, come le persone dicono, avrebbe preso tranquillamente. Mio padre ha detto di no per una questione di principio. A mio padre dissi che secondo me Frigerio se ne andrà a prescindere alla fine dell’anno, ci fu una divergenza di opinioni: io dicevo di aver capito che lui non avrebbe voluto firmare, quindi bisognava capire cosa fare e lì ho proposto di farlo giocare, se deve andare via gratis perlomeno lo sfrutto. Dall’altra parte capivo perfettamente e sposavo la questione di principio, dal lato umano: tu devi tutto non a Canonico, a me, ma al Foggia per quello che hai fatto l’anno scorso, quindi per una questione di riconoscenza dovresti firmare. Poi vuoi andare a giocare altrove? Se vali veramente, devono pagare. È una questione di rispetto, però purtroppo dall’altro lato evidentemente così non è vista. Auguro tutto il bene a Marco. Se faccio uscire Frigerio, devo avere già il sostituto“.

Una battuta su richieste esose di ingaggio: “L’anno scorso, durante il mercato, c’è gente che ha fatto 3 gol nella stagione prima che ci ha chiesto 180.000 euro netti, quasi 400.000 lordi. Dare soldi a lui, al procuratore… Ma stiamo impazzendo? Noi non scendiamo a patti, abbiamo un’idea diversa di calcio: mio padre può essere odiato, può sbagliare, ma non ci si può “prostituire” a delle questioni che non sono nelle nostre corde. Perché strapagare un procuratore per far arrivare un giocatore a Foggia? Tu vuoi venire a Foggia? Mettiti a disposizione, Foggia te ne sarà riconoscente“.

Devi essere bravo ad individuare quei giocatori che non hanno fatto bene in questa parte di stagione, ma che – conclude – possono avere motivazioni […]”.

Resta aggiornato, iscriviti al nostro canale WhatsApp!

Immagine in evidenza: il vicepresidente del Foggia, Emanuele Canonico (ultimo a destra) – crediti foto: sito ufficiale Calcio Foggia 1920

Ultimora

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here