Coppa Italia Serie C – Secondo Turno Eliminatorio, buona la seconda per il Foggia: secco 2-0 rifilato all’ACR Messina e qualificazione agli ottavi di finale conquistata.

La prima sortita rossonera vede protagonista Alessio Curcio al 5′ con un doppio tentativo dal limite, Fusco neutralizza. Esce anche il Messina un paio di minuti dopo con Busatto, che salta un uomo e calcia verso la porta: conclusione debole, blocca Volpe. Sale in cattedra tra le fila dei siciliani l’attaccante classe 1999 Lorenzo Catania, sicuramente tra i migliori dei suoi, che costringe l’estremo difensore rossonero ad un grande intervento per sventare un tiro da posizione defilata (9′). Il Foggia inizia a prendere le misure e a rendersi più pericoloso: al 14′ Merkaj controlla e calcia dall’interno dell’area di rigore, trovando l’opposizione di Gonçalves.

Non c’è un attimo di respiro: ancora Catania impegna Volpe da posizione defilata, poi Rocca sfiora il vantaggio rossonero ma manda la palla sopra la traversa dal limite. Tentativo di Vukusic al 25′, che sfrutta un rimpallo, ruota su sé stesso e prova il tiro, però debole e centrale.

A sbloccare la gara sono i “Satanelli” al 27′, grazie a… Di Grazia: servito da Petermann, Rocca si inserisce in area e assiste di esterno destro l’ala, che appoggia in rete a porta vuota. Il raddoppio giunge pochi minuti più in là, già al 32′ grazie ad un calcio di rigore (concesso per fallo di Carillo su Merkaj) segnato da Curcio.

Il Messina subisce il colpo: a provarci è sempre Catania, che va alla conclusione per due volte in due minuti, prima con un sinistro – parato da Volpe – e poi con un tiro-cross con palla che termina poco alta sull’incrocio dei pali.

Foggia invece sulle ali dell’entusiasmo: al termine di un contropiede, Merkaj mette in mezzo, Di Grazia aggancia e scaglia una gran botta, para Fusco; sulla ribattuta, Rocca manda alto da fuori area.

Proprio Rocca qualche azione dopo ci riprova con un piattone rasoterra, l’estremo difensore dei siciliani salva tutto ancora una volta, con l’aiuto del tallone. Tentativo di Curcio all’imbrunire della prima frazione con un tiro rasoterra dal limite, bravo ancora una volta Fusco.

Seguici anche su Telegram! Clicca qui! Continua a leggere il testo dopo la foto.

Di Grazia
Immagine in evidenza: l’esultanza di Andrea Di Grazia dopo il gol segnato in Foggia-ACR Messina 2-0, Secondo Turno Eliminatorio di Coppa Italia Serie C 2021/2022 – crediti: foto di Luigia Spinelli

La ripresa si apre subito col botto: gol annullato al Foggia per fallo di mano di Rocca, protagonista di un’azione che aveva mandato a rete Di Grazia. Occasionissima per il Messina al 54′, con Busatto che tenta di sfruttare il passaggio in profondità di Gonçalves, controlla la sfera ma perde il tempo al momento della conclusione, Volpe blocca.

Gara entusiasmante: un mai domo Di Grazia sfiora l’incrocio di piatto, al termine di una grande combinazione con Curcio. Altrettanto indomabile Catania che ci prova dal limite, Volpe manda in angolo. Attorno all’ora di gioco i rossoneri vanno nuovamente vicini al 3-0 per merito dell’ottimo Merkaj, che coglie uno spunto di Curcio e calcia verso la porta di Fusco, abile ad opporsi. Qualche istante a seguire ci pensa per l’ennesima volta Catania a farsi vivo dalle parti di Volpe, anch’egli bravo a salvarsi col tallone. Il Messina continua a premere e prende il palo al 70′ con una conclusione dall’interno dell’area di Gonçalves.

Problemi per il difensore del Foggia Davide Di Pasquale al 75′, a seguito di un contrasto a centrocampo; a sostituirlo è Domenico Girasole.

La volée da fuori area di Curcio all’82’ (alta) è l’ultimo evento saliente degno di nota del match. Il risultato infatti non cambia più e i ragazzi di Zdeněk Zeman volano al prossimo turno.

Seguici anche su Telegram! Clicca qui!

Immagine in evidenza: uno scatto di Foggia-ACR Messina 2-0, Secondo Turno Eliminatorio di Coppa Italia Serie C 2021/2022 – crediti: foto di Luigia Spinelli

Vuoi restare sempre aggiornato sul calcio? 👍🏼 METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
© copyright - lagoleada.it, riproduzione riservata (art. 13 L. 633/41)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here